OGGI APERTO
14:30 - 19:30
  • LUN: Chiuso
  • MAR: 14:30 - 19:30
  • MER: 14:30 - 19:30
  • GIO: 14:30 - 19:30
  • VEN: 14:30 - 19:30
  • SAB: 14:30 - 19:30
  • DOM: Chiuso
FILTRI
ARGOMENTI

ARTISTI


  • Filtra per:
  • Tutto
  • Immagini
  • Testi
FUGA

Black History Month Florence | VII edizione

FUGA

Questo contenuto appare in:

Hazel | Kevin Jerome Everson

Black History Month Florence | VII edizione

La mostra personale Hazel, del noto artista e regista Kevin Jerome Everson, nasce da ricordi mal rammentati o mal interpretati in relazione all’iconica canzone Maggot Brain dei Parliament Funkadelic. L’opera attinge alla memoria dell’artista riguardo a quanto ha ispirato il memorabile assolo di chitarra della canzone che dà il titolo all’album: il ricordo distorto, una finzione progettata per ispirare un’esecuzione appassionata. L’attualità della storia della traccia e gli scambi tra il leader della band, George Clinton, e il chitarrista Eddie Hazel diventano percezioni, intuizioni e immaginazioni alternative, in quest’opera dedicata proprio al chitarrista del gruppo. La dimensione sonora funziona come un elemento familiare ma dissonante, ricordata ma ossessivamente distante.

La mostra personale Hazel, del noto artista e regista Kevin Jerome Everson, nasce da ricordi mal rammentati o mal interpretati in relazione all’iconica canzone Maggot Brain dei Parliament Funkadelic. L’opera attinge alla memoria dell’artista riguardo a quanto ha ispirato il memorabile assolo di chitarra della canzone che dà il titolo all’album: il ricordo distorto, una finzione progettata per ispirare un’esecuzione appassionata. L’attualità della storia della traccia e gli scambi tra il leader della band, George Clinton, e il chitarrista Eddie Hazel diventano percezioni, intuizioni e immaginazioni alternative, in quest’opera dedicata proprio al chitarrista del gruppo. La dimensione sonora funziona come un elemento familiare ma dissonante, ricordata ma ossessivamente distante.

Hazel | Kevin Jerome Everson

Questo contenuto appare in:

FUGA

Black History Month Florence | VII edizione

La settima edizione del Black History Month Florence è arrivata portando con sé un nuovo centro culturale, The Recovery Plan presso SRISA con la funzione di hub per informazioni, dialoghi, ricerca e scambio durante tutto il mese di febbraio. Questa edizione rappresenta anche un ampliamento del programma trasformandosi in Black History Fuori le Mura. Estendendo la portata dell’iniziativa per collettivizzare gli incredibili sforzi organizzativi in ​​corso nelle città di Bologna, Torino e Roma, ma puntando anche verso nuove collaborazioni a Parigi, Black History Fuori le Mura è il frutto di un’organizzazione collettiva che porta insieme una serie di associazioni, individui e istituzioni ed è uno spazio condiviso per la co-promozione degli eventi di Black History Month. Questa piattaforma vuole essere generatrice di un modello per una riflessione nazionale e internazionale sul recupero della Black History.

Questa edizione è inquadrata dal titolo tematico FUGA. FUGA è una

Read More

La settima edizione del Black History Month Florence è arrivata portando con sé un nuovo centro culturale, The Recovery Plan presso SRISA con la funzione di hub per informazioni, dialoghi, ricerca e scambio durante tutto il mese di febbraio. Questa edizione rappresenta anche un ampliamento del programma trasformandosi in Black History Fuori le Mura. Estendendo la portata dell’iniziativa per collettivizzare gli incredibili sforzi organizzativi in ​​corso nelle città di Bologna, Torino e Roma, ma puntando anche verso nuove collaborazioni a Parigi, Black History Fuori le Mura è il frutto di un’organizzazione collettiva che porta insieme una serie di associazioni, individui e istituzioni ed è uno spazio condiviso per la co-promozione degli eventi di Black History Month. Questa piattaforma vuole essere generatrice di un modello per una riflessione nazionale e internazionale sul recupero della Black History.

Questa edizione è inquadrata dal titolo tematico FUGA. FUGA è una meditazione sulla fugacità di Blackness (Moten, Harney 2013) e sulla sua non fissità che permea le realtà geoculturali e offusca i confini tra il locale e il transnazionale. È anche una riflessione sul respingimento che continua a persistere nel contesto italiano in relazione al discorso su popoli e culture di origine africana che spinge molti alla fuga. FUGA in musica è un elemento compositivo in cui un tema melodico è introdotto da una voce solo per essere ripreso successivamente da altre. Questa edizione vuole fornire la chiamata e la risposta necessarie per impegnarsi collettivamente nel lavoro che deve essere svolto per andare oltre le concezioni che troppo spesso sono definite dalla piattezza e dalla cornice limitata della Blackness come riflessa nei mass media, nelle strutture istituzionali e nel discorso accademico in Italia e non solo.

Passare da BHMF a BHFM significa impegnarsi in una forma di modulazione di frequenza necessaria per ascoltare ed essere ascoltati.

FUGA

Questo contenuto appare solo nell' archivio.

Kevin Jerome Everson

Artist-filmmaker

Kevin Jerome Everson (nato nel 1965) è un artista che lavora nel cinema, nella pittura, nella scultura e nella fotografia. È nato a Mansfield, Ohio e attualmente risiede in Virginia. Ha conseguito un MFA presso la Ohio University e un BFA presso l’Università di Akron, ed è Professore di Arte presso l’Università della Virginia, Charlottesville.

 

I film di Everson ritraggono spesso persone che lavorano e vivono nelle comunità della classe operaia. Molte delle sue opere si concentrano sulla migrazione di comunità e individui afroamericani dal sud americano verso nord in cerca di lavoro. “Everson rifiuta il ruolo di analista culturale nel suo lavoro, optando invece per una scelta che pone l’onere della comprensione sul pubblico e sul suo stesso lavoro. In questo modo, si è ritagliato un posto al di fuori sia delle aspettative tipiche del documentario che delle convenzioni della finzione rappresentativa, tentando di lavorare dai materiali dei mondi che

Read More

Kevin Jerome Everson (nato nel 1965) è un artista che lavora nel cinema, nella pittura, nella scultura e nella fotografia. È nato a Mansfield, Ohio e attualmente risiede in Virginia. Ha conseguito un MFA presso la Ohio University e un BFA presso l’Università di Akron, ed è Professore di Arte presso l’Università della Virginia, Charlottesville.

 

I film di Everson ritraggono spesso persone che lavorano e vivono nelle comunità della classe operaia. Molte delle sue opere si concentrano sulla migrazione di comunità e individui afroamericani dal sud americano verso nord in cerca di lavoro. “Everson rifiuta il ruolo di analista culturale nel suo lavoro, optando invece per una scelta che pone l’onere della comprensione sul pubblico e sul suo stesso lavoro. In questo modo, si è ritagliato un posto al di fuori sia delle aspettative tipiche del documentario che delle convenzioni della finzione rappresentativa, tentando di lavorare dai materiali dei mondi che incontra per creare qualcosa di diverso.”

 

Everson impiega spesso riprese manuali e usa il 16 mm per creare molti dei suoi film. Il suo lavoro è stato oggetto di proiezioni retrospettive al Media City Film Festival (2011), Tate Modern (2017), online al Mubi (2018) e Cinéma du Réel al Centre Pompidou (2019)

 

Everson ha diretto quasi una dozzina di lungometraggi e oltre 100 corti.

 

I film di Everson sono stati oggetto di retrospettive mid-career al Modern and Contemporary Art Museum, Seoul, Korea (febbraio 2017); Viennale (2014); Visions du Reel, Nyon, Svizzera (2012), The Whitney Museum of American Art, NY e Media City Film Festival (2011) e Centre Pompidou, Parigi nel 2009. Il suo lavoro è stato presentato alla Biennale di Whitney del 2008, 2012 e 2017 , i Media City Film Festival del 2010, 2011, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018 e la Biennale di Sharjah del 2013.

Questo contenuto appare in: