OGGI APERTO
14:30 - 19:30
  • LUN: Chiuso
  • MAR: 14:30 - 19:30
  • MER: 14:30 - 19:30
  • GIO: 14:30 - 19:30
  • VEN: 14:30 - 19:30
  • SAB: 14:30 - 19:30
  • DOM: Chiuso
FILTRI
ARGOMENTI

ARTISTI


  • Filtra per:
  • Tutto
  • Testi
  • Immagini

Wanja Kimani

Video artist, performer, scrittrice

Wanja Kimani è un’artista visiva e scrittrice con sede nel Cambridgeshire, nel Regno Unito. Attraverso film, tessuti e installazioni, il suo lavoro esplora la memoria, i traumi e la fluidità all’interno delle strutture sociali che sono progettate per prendersi cura e proteggere, ma mutano in forze coercitive all’interno della società. Impone elementi della propria vita negli spazi pubblici, creando una narrazione personale in cui è sia autrice che personaggio. Il suo lavoro è stato esposto a livello internazionale. Nel 2018, la sua performance “Expectations” è stata inclusa nella presentazione del Laboratoire Agit’Art durante la Dak’Art Biennale of Contemporary African Art. Nel 2019, ha presentato il suo lavoro ad Art Dubai e come parte di una mostra collettiva “Yesterday is Today’s Memory” all’Espace Commines, Parigi, Francia.

Wanja Kimani è un’artista visiva e scrittrice con sede nel Cambridgeshire, nel Regno Unito. Attraverso film, tessuti e installazioni, il suo lavoro esplora la memoria, i traumi e la fluidità all’interno delle strutture sociali che sono progettate per prendersi cura e proteggere, ma mutano in forze coercitive all’interno della società. Impone elementi della propria vita negli spazi pubblici, creando una narrazione personale in cui è sia autrice che personaggio. Il suo lavoro è stato esposto a livello internazionale. Nel 2018, la sua performance “Expectations” è stata inclusa nella presentazione del Laboratoire Agit’Art durante la Dak’Art Biennale of Contemporary African Art. Nel 2019, ha presentato il suo lavoro ad Art Dubai e come parte di una mostra collettiva “Yesterday is Today’s Memory” all’Espace Commines, Parigi, Francia.

Film noir per Lampedusa - Videozoom: Africana Womanism

Black History Month Florence 2017

Film noir per Lampedusa - Videozoom: Africana Womanism

Questo contenuto appare in:

Film noir per Lampedusa - Videozoom: Africana Womanism

Black History Month Florence 2017

Ispirato al Black History Month celebrato negli Stati Uniti e nel Regno Unito, l’evento fiorentino mette in risalto i contributi culturali della diaspora africana che hanno influenzato la cultura popolare Italiana.
Conferenze, proiezioni di film, letture di libri, mostre d’arte, eventi enogastronomici, concerti e spettacoli ricordano i più importanti passaggi della storia africana ponendola in relazione con il panorama contemporaneo fiorentino.

All’interno di questa iniziativa si inserisce la XV edizione della rassegna Videozoom curata da Antonella Pisilli che quest’anno presenta opere di 8 video artiste africane dal titolo “Africana womanism” e l’installazione “Film noir per Lampedusa” di Clay Apenouvon.

Videozoom: Africana Womanism è un progetto video “work in progress”: in mostra opere di video-arte contemporanea, presentate tenendo conto delle specificità culturali delle diverse realtà del mondo. Il progetto vuole proporre una visione nuova della do


Read More

Ispirato al Black History Month celebrato negli Stati Uniti e nel Regno Unito, l’evento fiorentino mette in risalto i contributi culturali della diaspora africana che hanno influenzato la cultura popolare Italiana.
Conferenze, proiezioni di film, letture di libri, mostre d’arte, eventi enogastronomici, concerti e spettacoli ricordano i più importanti passaggi della storia africana ponendola in relazione con il panorama contemporaneo fiorentino.

All’interno di questa iniziativa si inserisce la XV edizione della rassegna Videozoom curata da Antonella Pisilli che quest’anno presenta opere di 8 video artiste africane dal titolo “Africana womanism” e l’installazione “Film noir per Lampedusa” di Clay Apenouvon.

Videozoom: Africana Womanism è un progetto video “work in progress”: in mostra opere di video-arte contemporanea, presentate tenendo conto delle specificità culturali delle diverse realtà del mondo. Il progetto vuole proporre una visione nuova della donna africana attraverso l’occhio dell’artista; Africana Womanism, nello specifico, porta alla ribalta il ruolo di madri africane come leader nella lotta per ritrovare, ricostruire e creare un’integrità culturale che abbraccia gli antichi principi di reciprocità, equilibrio, armonia, giustizia, verità e ordine.
Fanno parte delle artiste di Africana Womanism: Nirdeva Alleck (Mauritius), Nathalie Mba Bikoro (Gabon), Rehema Chachage (Tanzania), Wanja Kimani (Kenia), Michèle Magema (RDC), Fatima Mazmouz (Marocco), Myriam Mihindou (Gabon), Tabita Rezaire (Francia-Guyana/Danese)

Film noir per Lampedusa, di Clay Apenouvon (Togo), interpreta una Lampedusa contemporanea, luogo di migrazioni; attraverso un’installazione site-specific, realizzata dall’artista per Murate Art District, si esplora la capacità dei materiali di essere supporto fisico e medium artistico per trasmettere il messaggio socio-politico dell’artista.
Non nuovo a questo tipo ti incursioni artistiche, Clay Apenouvon lavora con materiali plastici di colore nero, che evocano la liquida vischiosità del petrolio.

I due progetti sono stati inaugurati venerdì 3 febbraio 2017 alle ore 17.30 presso MAD Murate Art District.

Film noir per Lampedusa - Videozoom: Africana Womanism

Questo contenuto appare in: