OGGI APERTO
14:30 - 19:30
  • LUN: Chiuso
  • MAR: 14:30 - 19:30
  • MER: 14:30 - 19:30
  • GIO: 14:30 - 19:30
  • VEN: 14:30 - 19:30
  • SAB: 14:30 - 19:30
  • DOM: Chiuso

La VII edizione del Black History Month Florence amplia i propri orizzonti trasformandosi in Black History Fuori le Mura. La portata dell’iniziativa cresce grazie alla sinergia con il lavoro di analoghi collettivi operativi nelle città di Bologna, Torino e Roma, ma anche puntando anche verso nuove collaborazioni all’estero.

Black History Fuori le Mura è il frutto di un’organizzazione collettiva che riunisce associazioni, individui e istituzioni, generando uno spazio condiviso per la co-promozione degli eventi di Black History Month. Questa piattaforma vuole proporsi quale luogo ideale per il rilancio di una riflessione nazionale e internazionale sul recupero della Black History.

Quest’anno MAD presenterà tre diverse mostre co-prodotte con BHFM, articolate all’interno di tutti i suoi spazi. L’inaugurazione delle mostre si svolgerà giovedì 10 febbraio a partire dalle 17.30, con la presentazione dei progetti da parte di Justin Randolph Thompson, co-fondatore e direttore di Black History Month Florence, l’artista Nidhal Chamekh e la ricercatrice Jessica Sartiani. Nell’occasione verrà presentato il nuovo progetto audiovisivo di DeForrest Brown, Jr. e James Hoff HOBO UFO V. (THE NEW WORLD), che esamina la tumultuosa storia geografica della razza in America.

Questa edizione del BHFM presenta come titolo tematico FUGA: una meditazione sulla fugacità del concetto di Blackness (Moten, Harney 2013) e sulla instabilità che permea realtà geo-culturali sfumando i confini tra locale e transnazionale. È anche una riflessione sulla diffidenza che persiste nel contesto italiano riguardo ai popoli e alle culture d’origine africana, che spinge molti alla fuga.

Prenotazione consigliata
info.mad@musefirenze.it

Hazel | Kevin Jerome Everson

La mostra personale Hazel, del noto artista e regista Kevin Jerome Everson, nasce da ricordi mal rammentati o mal interpretati in relazione all’iconica canzone Maggot Brain dei Parliament Funkadelic. L’opera attinge alla memoria dell’artista riguardo a quanto ha ispirato il memorabile assolo di chitarra della canzone che dà il titolo all’album: il ricordo distorto, una finzione progettata per ispirare un’esecuzione appassionata. L’attualità della storia della traccia e gli scambi tra il leader della band, George Clinton, e il chitarrista Eddie Hazel diventano percezioni, intuizioni e immaginazioni alternative, in quest’opera dedicata proprio al chitarrista del gruppo. La dimensione sonora funziona come un elemento familiare ma dissonante, ricordata ma ossessivamente distante.

come sa di sale lo pane altrui | Nidhal Chamekh

Questa mostra riunisce due serie di opere dello straordinario disegnatore Nidhal Chamekh che mettono in discussione la nozione dell’archivio come testimone, come spettatore. Le opere a tecnica mista inondano l’abisso di storiografie evacuate, che solo apparentemente fanno fatica a mantenere un’accuratezza puntuale, a mettere in discussione l’ambiguità dell’obiettivo empirico dell’anatomia zoologica, la classificazione delle foto segnaletiche, la precisione dei disegni meccanici con gli indizi personali che le tengono insieme.

L’infanzia di Chamekh nei quartieri popolari di Tunisi e la persecuzione della sua famiglia militante hanno un profondo impatto sulla sua arte, situata tra dimensione biografica e politica, mentre disegna ricordi trasformati in testimonianze, investigando la cosituzione della nostra identità contemporanea in relazione a eventi storici ed archivi.

Black Archive Alliance IV | a cura di Jessica Sartiani

Dopo quattro anni di sviluppo della piattaforma di ricerca Black Archive Alliance e nell’ambito di una residenza triennale al Murate Art District, presentiamo il quarto volume. In collaborazione con la nostra attuale ricercatrice in residenza, Jessica Sartiani che lavora al MAD da dicembre all’interno di una collaborazione triennale con BHFM, presentiamo una serie di documenti e ricerche. L’attuale volume di lavoro comprende ricerche di Roberto Bianchi sullo Sciopero della Fame del 1990, una serie di documenti dell’archivio personale di Mestre Boca Nua sul suo lavoro intorno alla Capoeira a Firenze e frammenti dell’archivio virtuale di Jordan Anderson su Black Queerness in Italia. Questi lavori si mettono in dialogo con le ricerche di Jessica Sartiani che guardano alle connessioni tra storia coloniale, emigrazione e produzione, consumo e marketing del caffè.


Programma degli appuntamenti

3 febbraio, 17.30 | Coffee - A colonial history

Vava Angwenyi in dialogo con Jessica Sartiani

Questa conversazione nasce della ricerca di Sartiani nell’ambito di Black Archive Alliance. La conversazione amplia il contesto, la storia e le realtà contemporanee legate alla produzione del caffè dialogando con le storie coloniali.

26 febbraio - 16.30 | Murate ArtLab con Francis Offman

Workshop dedicato al disegno e alla pittura su superfici di recupero e all’esplorazione della materialità della pittura e del disegno. I bambini e le bambine disegneranno su superfici preparate dall’artista utilizzando fondi di caffè e gesso di Bologna. I pastelli a olio e gesso diventano la base del lavoro in dialogo con una riflessione sui materiali che utilizziamo per fare arte.


Kevin Jerome Everson

Artist-filmmaker

Kevin Jerome Everson (nato nel 1965) è un artista che lavora nel cinema, nella pittura, nella scultura e nella fotografia. È nato a Mansfield, Ohio e attualmente risiede in Virginia. Ha conseguito un MFA presso la Ohio University e un BFA presso l’Università di Akron, ed è Professore di Arte presso l’Università della Virginia, Charlottesville.

 

I film di Everson ritraggono spesso persone che lavorano e vivono nelle comunità della classe operaia.... Molte delle sue opere si concentrano sulla migrazione di comunità e individui afroamericani dal sud americano verso nord in cerca di lavoro. “Everson rifiuta il ruolo di analista culturale nel suo lavoro, optando invece per una scelta che pone l’onere della comprensione sul pubblico e sul suo stesso lavoro. In questo modo, si è ritagliato un posto al di fuori sia delle aspettative tipiche del documentario che delle convenzioni della finzione rappresentativa, tentando di lavorare dai materiali dei mondi che incontra per creare qualcosa di diverso.”

 

Everson impiega spesso riprese manuali e usa il 16 mm per creare molti dei suoi film. Il suo lavoro è stato oggetto di proiezioni retrospettive al Media City Film Festival (2011), Tate Modern (2017), online al Mubi (2018) e Cinéma du Réel al Centre Pompidou (2019)

 

Everson ha diretto quasi una dozzina di lungometraggi e oltre 100 corti.

 

I film di Everson sono stati oggetto di retrospettive mid-career al Modern and Contemporary Art Museum, Seoul, Korea (febbraio 2017); Viennale (2014); Visions du Reel, Nyon, Svizzera (2012), The Whitney Museum of American Art, NY e Media City Film Festival (2011) e Centre Pompidou, Parigi nel 2009. Il suo lavoro è stato presentato alla Biennale di Whitney del 2008, 2012 e 2017 , i Media City Film Festival del 2010, 2011, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018 e la Biennale di Sharjah del 2013.

Read More

Nidhal Chamekh

Artista

Nato nel 1985 a Dahmani, Tunisia, Nidhal Chamekh si è laureato alla Scuola di Belle Arti di Tunisi e all’Università della Sorbona di Parigi. Continua a lavorare e vivere tra le due città. Le creazioni di Nidhal riflettono sui tempi in cui abitiamo. La sua opera si colloca all’incrocio tra il biografico e il politico, il vissuto e lo storico, l’evento e l’archivio. Dal disegno alle installazioni, dalla fotografia ai video, le opere di Nidhal Chamekh analizzano la... costituzione della nostra identità contemporanea.

Le sue opere sono state esposte alla Biennale di Venezia, alla Triennale di Aïchi, alla Biennale di Yinchuan, alla Biennale di Dakar ed è stata esposta a Tunisi alle mostre Politics Collective, alla Kunsthaus di Amburgo, in Francia al Museo d’arte contemporanea MAC Lyon, durante la 12a edizione edizione di Bamako Encounters, in Italia presso FM Contemporary Art Center, a Londra presso Drawing Room, a CCA Lagos in Nigeria e Kadist a Parigi, a San Paolo per Videobrasil Art Biennial e lo Skissernas Museum in Svezia.

Read More

Jessica Sartiani

Formatrice ed esperta di caffè

Jessica Sartiani è una formatrice ed esperta di caffè fiorentina. Con un padre italiano e una madre metà filippina e metà afroamericana, è dalle sue origini che inizia il suo viaggio come donna del caffè. Come persona formata, operativa e attenta alle recenti sottoculture del caffè, ha iniziato il suo lavoro in una delle caffetterie pioniere di questo prodotto selezionato, Ditta Artigianale, dieci anni fa, studiando e scoprendo tutto il lavoro che precede il servizio in caffetteria,... dando importanza ai paesi produttori. La sua esperienza si è evoluta con l’apertura del primo Speciality coffee in Italia, occupandosi della formazione dei baristi e dei clienti. Ha partecipato a vari concorsi come il Brewers cup, per migliorare il contatto con il pubblico e arricchire il suo background, e ha fatto parte di progetti di formazione in Honduras, Lituania e diverse start-up di caffè locali.

Read More

Justin Randolph Thompson

co-fondatore e direttore Black History Month Florence

Justin Randolph Thompson è un artista dei nuovi media, facilitatore culturale ed educatore nato a Peekskill, NY nel ’79. Vive tra l’Italia e gli Stati Uniti dal 1999, Thompson è co-fondatore e direttore del Black History Month Florence, un’esplorazione sfaccettata delle culture diasporiche africane e africane nel contesto dell’Italia fondata nel 2016. Thompson ha ricevuto il Louise Comfort Tiffany Award, il Franklin Furnace Fund Award, il Visual Artist Grant della... Fundacion Marcelino Botin, due Foundation for Contemporary Arts Emergency Grants, una Jerome Fellowship dal Franconia Sculpture Park e una Emerging Artist Fellowship dal Socrates Sculpture Park. La sua vita e il suo lavoro cercano di approfondire le discussioni sulla stratificazione socio-culturale e l’organizzazione gerarchica, impiegando comunità temporanee e fugaci come monumenti e promuovendo progetti che collegano l’attivismo sociale del discorso accademico e le strategie di networking del fai da te in incontri annuali e biennali, condivisione e gesti di collettività.

Read More