OGGI APERTO
14:30 - 19:30
  • LUN: Chiuso
  • MAR: 14:30 - 19:30
  • MER: 14:30 - 19:30
  • GIO: 14:30 - 19:30
  • VEN: 14:30 - 19:30
  • SAB: 14:30 - 19:30
  • DOM: Chiuso

Murate Art District collabora ogni anno con centinaia di artisti nazionali e internazionali a progetti artistici, performativi, fotografici, rendendo partecipe la cittadinanza e la comunità dell’intenso lavoro di ricerca che viene svolto nella nostra città.

MAD apre le porte per tre giornate di apertura e presentazione alla cittadinanza, in programma il 6-7-8 maggio 2022: incontri, riflessioni, performance, talk e presentazioni.

 

Vuoi scoprire come lavorano gli artisti contemporanei?
Tre giornate all’insegna della condivisione tra artisti, curatori e pubblico, per poter compartecipare alla quotidianità di MAD, davanti e dietro le quinte.

Programma

Venerdì 6 Maggio

Installazioni e mostre

 

Trying to grow wings
di Ana Vujovic
a cura di Renata Summo O’Connell
I piano Murate Art District
esposizione aperta: ore 14.30 – 19.00
ore 15.30 – 16.30 – 18.30 Visite guidate gratuite alla mostra in collaborazione con Università  degli Studi di Firenze 

NOT EVEN YOU  Volume 1
Sala Laura Orvieto
Video installazione a cura di Cristina Kristal Rizzo, dancemaker di base a Firenze, attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni ’90

Muratessili
di Cristina Mariani
Sala Ketty La Rocca
Installazione realizzata nella residenza di produzione MAD 2017

Quanto resta della notte
di Benedetta Manfriani
Carcere Duro
Installazione sonora immersiva (8 minuti) all’interno delle celle del Carcere Duro nelle quali si sovrappongono i canti delle comunità ucraina e russa di Firenze, registrati durante le rispettive Divine Liturgie.
visita a cura dell’artista ore 16.45

40.000 chiodi
di Paolo Masi
III piano Murate Art District
Installazione site specific realizzata nel corso della residenza presso MAD 2018 e video intervista all’artista

Black Archive Alliance
III piano Murate Art District
Presentazione dello spazio di studio e di ricerca con Jessica Sartiani e proiezione del video Emergency Needs di Kevin Jerome Everson

Argo
Ex-magazzino Murate Art District
video installazione, sound design Jacopo Baboni Schilingi

MAD per Fondazione Kennedy
Enduring Freedom
Esposizione alla presenza degli artisti Gianluca Braccini e Jonathan Soliman
Ore 15-19, Fondazione RF Kennedy, via Ghibellina 12
Accesso libero

 

 

Programmazione artistica

 

  • ore 10:00 – 13:00
    Piazza delle Murate
    Pratiche di osservazione urbana
    A cura di CUT | Circuito Urbano Temporaneo e del Collettivo MASC
    I giovani del collettivo MASC saranno nello spazio aperto per l’osservazione silenziosa del quartiere
  • ore 16.45
    Carcere Duro
    Quanto resta della notte
    di Benedetta Manfriani,
    visita a cura dell’artista
  • ore 17.30
    Loggiato Murate Art District
    Cielo
    Azione partecipativa per MAD
    A cura dell’artista ucraina Olga Pavlenko
    con la partecipazione di Cristina Mariani
    in collaborazione con Centro Creazione Cultura

Sabato 7 Maggio

Installazioni e mostre

 

Trying to grow wings
di Ana Vujovic
a cura di Renata Summo O’Connell
I piano Murate Art District
esposizione aperta: ore 14.30 – 19.00
ore 15.30 – 16.30 – 18.30 Visite guidate gratuite alla mostra in collaborazione con Università  degli Studi di Firenze

NOT EVEN YOU  Volume 1
Sala Laura Orvieto
Video installazione a cura di Cristina Kristal Rizzo, dancemaker di base a Firenze, attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni ’90

Muratessili
di Cristina Mariani
Sala Ketty La Rocca
Installazione realizzata nella residenza di produzione MAD 2017

Quanto resta della notte
di Benedetta Manfriani
Carcere duro
Installazione sonora immersiva all’interno delle celle del Carcere Duro in collaborazione la comunità ucraina e la comunità russa di Firenze.
visita a cura dell’artista ore 16.45

40.000 chiodi
di Paolo Masi
III piano Murate Art District
Installazione site specific realizzata nel corso della residenza presso MAD 2018 e video intervista all’artista

Black Archive Alliance
III piano Murate Art District
Presentazione dello spazio di studio e di ricerca con Jessica Sartiani e proiezione del video Emergency Needs di Kevin Jerome Everson

Argo
Ex-magazzino Murate Art District
video installazione, sound design Jacopo Baboni Schilingi

Pornodrama2
a cura di Camilla Guarino e Giuseppe Comuniello
III piano Murate Art District
Installazione sonora studio della performance in divenire Pornodrama2. Dal 2018 Camilla Guarino e Cesare Comuniello portano avanti una ricerca che ha come fulcro la trasmissione dell’arte visiva a una persona cieca attraverso linguaggi capaci di restituire la poesia delle opere, in particolare l’audiodescrizione poetica.

 

 

Programmazione artistica

 

  • ore 14.30
    Carcere Duro
    Quanto resta della notte
    di Benedetta Manfriani
    visita a cura dell’artista
  • ore 14.30
    Sala Ketty La Rocca
    Pratiche ispirate a I versi delle mani
    azione performativa di Marta Bellu e Laura Lucioli, Produzione Versiliadanza
  • ore 15.00 – 18.00
    Sala Ketty La Rocca
    Disegnare la danza
    di Floor Robert
    L’artista disegnerà i corpi dei performer mostrando la sua pratica e aprendola a chi vorrà condividere questa esperienza.
  • ore 15:00 -18:00
    Is It My World?
    Kinkaleri/Massimo Conti, Marco Mazzoni, Gina Monaco | produzione Kinkaleri – 2020.
    is it my world? è un progetto che pone una semplice domanda sulle possibilità politiche e artistiche dell’individuo, nella ricerca personale e collettiva dell’essere vivente, in un secolo in cui tutto è prossimo al confine e ad ognuno è dato il compito di immaginare un futuro.
  • ore 15:00 – 18:00
    Piazza delle Murate
    Pratiche di osservazione urbana
    A cura di CUT | Circuito Urbano Temporaneo e del Collettivo MASC
    I giovani del collettivo MASC continueranno l’osservazione silenziosa dello spazio mentre Stefania Rinaldi aprirà un dialogo con tutti i presenti invitandoli ad unirsi all’azione, o semplicemente ad osservare, condividere esercizi e pratiche
  • ore 15:00 – 19:00
    Loggiato Murate Art District
    Melusina (di fate e di streghe) – Filamenti
    a cura di FOSCA
    Installazione/laboratorio dai 5 ai 99 anni. Le streghe e le fate vivono in luoghi che sono poco visibili. I fili, come le tele dei ragni, hanno la caratteristica di poter diventare un elemento architettonico, di costruire uno spazio, valorizzandolo e nascondendolo al tempo stesso. Verranno intrecciati fili nello spazio ricamando nell’aria la tela invisibile di un regno che è sempre davanti ai nostri occhi.
  • ore 15:00 – 18:00
    Sala Laura Orvieto
    Dialoghi
    di Fabrizio Ajello
    spazio di ascolto con il pubblico
  • ore 15.00
    Sala Ketty La Rocca / Piazza delle Murate
    JUST GO
    performance diretta da Paolo Mereu con la partecipazione di: Mattia Bacchetti, Patrizia Becchetti, Richard Butler, Maria Durbà, Camilla Giani, Katia Giuliani, Paolo Mereu, Lorenzo Montagnani, Francesca Stampone.
    La performance può essere osservata ma anche praticata con gli artisti sulla pedana danza.
  • ore 15.40
    Sala Ketty La Rocca
    Danzare i dati
    Incontro performativo con Lucrezia C. Gabrieli, performer e giovane coreografa, e Chiara Tuttolani, designer in comunicazione visiva e multimediale, che dialogano sulle possibili relazioni che uniscono dati e danza.
  • ore 16.15
    I piano Murate Art District
    OrO
    Performance di Cristina Abati e Angela Burico, produzione FOSCA
    Due corpi scavano, setacciano, distinguono, selezionano cercatori di un’azione che possa rivelare qualcosa di perfetto, semplice, incorruttibile, pure come l’oro. Si lasciano possedere da figure antropomorfe, strane dee, buffe creature, astratte e carnali, non c’è inizio nè fine, non c’è una soluzione nè una formula magica
  • ore 16.30
    Sala Ketty La Rocca
    Azione e ricezione
    Marco Di Costanzo, attore, conduce esercizi, giochi e provocazioni che metteranno in contatto i partecipanti con alcuni semplici aspetti della creazione teatrale. Seguirà un breve talk sull’esperienza attraversata e i suoi presupposti teorici. A cura di Teatro dell’Elce
  • ore 17.30
    Sala Ketty La Rocca
    Montecristo
    di Italo Calvino
    Spettacolo con Riccardo Rombi, produzione Catalyst
  • ore 18.15
    Sala Ketty La Rocca
    CreareContinuumComuni
    Performance di improvvisazione musicale a cura di PArs con:
    Roberto Cagnoli – Elettronica
    Alberto Gatti – Elettronica
    Alessandro Geri – Contrabbasso
    Maurizio Montini – Elettronica
    Valerio Orlandini – Elettronica
    Flavia Passigli – Violoncello
    Francesco Pellegrino – Sax
    Isolina Ravenda – Voce
    Edoardo Ricci – Sax / Clarinetto Basso / Tromba
    Francesco Toninelli – Percussioni
    Andrea Venturoli – Elettronicacon la partecipazione di Cristina Abati e Angela Burico

Domenica 8 Maggio

Visite e Laboratori

  • ore 10 e 11.30
    Friday for Future
    Laboratorio per famiglie con bambini 7/12 anni ideato nel contesto del progetto europeo AtlaS.WH realizzato dal Comune di Firenze, ufficio Firenze Patrimonio Mondiale e rapporti con UNESCO, in collaborazione con l’associazione MUS.E.
    Laboratorio gratuito su prenotazione. info@musefirenze.it
  • ore 14.30 e 16.00
    Visite guidate al Complesso delle Murate e al Carcere Duro
    a cura del Dipartimento Mediazione dell’associazione MUS.E
    Visita gratuita su prenotazione. info@musefirenze.it
  • ore 15.00
    Semiottagono P.za Madonna della Neve, 8
    Inaugurazione mostra Reincantare il mondo
    di Tarshito
    a cura di Veronica Caciolli

Progetto realizzato grazie al contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze nell’ambito di MAD x COMMONS

 

Ana Vujović

Artista

Ana Vujović è un’artista serba con sede a Belgrado. Ha conseguito un master in pittura presso l’Accademia di Belle Arti dell’Università di Belgrado. La ricerca dell’artista affronta le nostre contraddizioni, incluse l’appropriazione e l’uso della tradizione e dell’estetica tradizionale nella società contemporanea, compresa quella della sua regione, trascendendo tuttavia interpretazioni binarie di culture contrapposte dell’Europa orientale/occidentale. Il... suo stile unico, che abbraccia installazioni multimediali, le consente di occuparsi di ferite e eredità sia storiche che contemporanee tradotte in installazioni avvincenti come una delle serie di Kanonatra, Glitch, allestita nel cortile di un edificio governativo di Belgrado, che tratta il valore simbolico dello sfruttamento del kilim. Ana Ha esposto le sue opere in mostre personali e collettive sia a livello nazionale che internazionale. È stata selezionata per numerose residenze internazionali ed è stata recentemente esposta allo Sharjah Islamic Art Festival nel dicembre 2021 con alcuni lavori della serie Kanonatra. Di recente è stata selezionata per la prossima Biennale dei Balcani del 2022. www.anavujovic.net

Read More

Cristina Rizzo

danzatrice e coreografa

Cristina Kristal Rizzo, dancemaker, è attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni 90. Basata a Firenze, si è formata a New York alla Martha Graham School of Contemporary Dance, ha frequentato gli studi di Merce Cunningham e Trisha Brown. Rientrata in Italia ha collaborato con diverse realtà artistiche tra cui il Teatro Valdoca, Roberto Castello, Stoa/Claudia Castellucci, Mk, Virgilio Sieni Danza, Santasangre. É tra i fondatori di Kinkaleri, compagnia con... la quale ha collaborato attivamente attraversando la scena coreografica contemporanea internazionale e ricevendo numerosi riconoscimenti. Dal 2008 ha intrapreso un percorso autonomo di produzione coreografica indirizzando la propria ricerca verso una riflessione teorica dal forte impatto dinamico tesa a rigenerare l’atto di creazione stesso e ad aprire riflessioni sul tempo presente. Attualmente una delle principali realtà coreografiche italiane è ospitata nei più importanti festival della nuova scena internazionale. Alla circuitazione degli spettacoli si affianca una intensa attività di conferenze, laboratori e proposte sperimentali. In qualità di coreografa ospite ha creato coreografie per I principali enti Lirici ed istituzioni teatrali italiane, tra i quali: il Teatro Comunale di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, il Balletto di Toscana Junior, Ater Balletto.

Read More

Cristina Mariani

Fiber artist

MOSTRE PASSATE / ESPERIENZE LAVORATIVE Trame a Corte – Rocca di Sala Baganza (PR) (2017) – Associazione Arcadia Fiber Art II Contaminazioni – Officina d’Arte e Tessuti e Museo del Tessile, Spoleto (PG) (2017) – Officina d’Arte e Tessuti, Comune di Spoleto Young Fiber Contest II – Premio Maria Luisa Sponga, Imbiancheria del Vajro, Chieri (TO) (2017) – Comune di Chieri Memoria Tessile – Casa della Memoria e della Storia, Roma, (2017) – Casa della... Memoria e della Storia Premio Valcellina 10 edizione – Palazzo d’Attimis, Maniago (PN) (2017) – Le Arti Tessili Sculture Tessili – Museo Civico Archeologico di Anzio (RM) (2016) – Comune di Anzio, Museo Civico Archeologico Trame a Corte – Rocca di Sala Baganza (PR) (2016) – Associazione Arcadia Young Fiber Contest – Premio Maria Luisa Sponga, Imbiancheria del Vajro, Chieri (TO) (2016) – Comune di Chieri Italia – Polonia. Suggestioni delle presenze polacche in Italia – Spazio 5, Roma (2016) – Associazione Zabaglia Grafica e Web Designer (freelance), Milano – Lisbona – Roma (2010 – presente) Clienti: Lydia Predominato, Museo Civico Archeologico di Anzio, Vilda Magazine, Cecilia De Paolis, Valentina Valoroso, Kering Group, Cascina Oro, IED Milano, Vanessa Marques Language Studio, Conexões em Movimento, Comitato 25, Espaço Espiral, The Food Temple, Stralis, Ambar Filmes, Left&Right, Studio Le Quattro Valli. Mostra Collettiva di Artigianato Artistico – Art Casa, Lisbona (Portogallo) (2013) – Art Casa Web Designer – YOOX, Milano (2011-2012) Dissipatio HG – Mostra Collettiva, Chiostro di Voltorre (VA) (2011) – Associazione Stralis Dissiparty – Mostra Collettiva, Parco Morselli, Gavirate (VA) (2011) – Associazione Stralis Web Designer – TheHookCom, Milano (2010-2011) Web Designer – AB Comunicazioni, Milano (2009-2010) Grafica – Istituto Europeo di Design, Evento Fuorisalone, Milano (2008) – IED Milano, Segis Airswap – Partecipazione al progetto in mostra a Manifesta 7, Manifattura Tabacchi, Rovereto (TN) (2008) – Airswap Grafica – La Gallina Matta, collezione tessile, Milano (2007-2008) Assistente di Sissy Rizzatto, artista, Milano (2007-2008) Assistente di Angela Florio, artista e decoratrice, Milano (2007-2008) Assistente di Katja Noppes, artista, Milano (2007) Assistente di Italo Zuffi, artista, Milano (2006) Gemine Muse – Young Artists in European Museums – Mostra Collettiva, Amstelkring Museum, Amsterdam (Paesi Bassi) (2005) – NABA, GAI Giovani Artisti Italiani Who Uses the Space? – Mostra Collettiva, Isola Art Center, Milano (2005) – NABA PREMI E RICONOSCIMENTI Menzione Speciale “per il recupero dell’immagine tradizionale dell’arazzo rivisitato con tecniche ed immagini digitali” per l’opera “Circuit”, Young Fiber Contest – Premio Maria Luisa Sponga, Chieri (TO) (2016) Secondo Premio per l’opera “Silk Road”, Trame a Corte, Rocca di Sala Baganza (PR) (2016) COLLEZIONI Museo Civico Archeologico di Anzio (RM), “Pro itu et reditu” donazione temporanea Collezione Arazzi e Fiber Art Associazione Arcadia (PR), “Silk Road” PUBBLICAZIONI Premio Valcellina 10 edizione, catalogo mostra 2017 – Le Arti Tessili (in preparazione) Tessere a mano, settembre 2017, Inaugurata la 14a edizione di Trame a Corte di Eva Basile Trame a Corte 2017, catalogo mostra – Associazione Arcadia Fiber Art II Contaminazioni , catalogo mostra 2017 – Officina d’Arte e Tessuti Texere Newsletter , estate 2017, Art as Memory di Renata Pompas Karmanews, giugno 2017, Arte come Memoria di Renata Pompas TG Lazio, 30 maggio 2017 edizione delle 14, servizio sulla mostra Memoria Tessile alla Casa della Memoria Il Messaggero Roma, 6 maggio 2017, Non pennelli ma ago e filo: ecco a voi la Fiber art di Silvia Donat Cattin Portale Comune di Roma, maggio 2017, Memoria tessile, in mostra alla Casa della Memoria Restart – Young Fiber Contest II, catalogo mostra 2017 – Comune di Chieri Voce Romana, novembre-dicembre 2016, Sculture Tessili di Stefania Severi Tessere a mano, settembre 2016, Trame a Corte 2016 di Gianpaolo Dal Maso Trame a Corte 2016, catalogo mostra – Associazione Arcadia Tramanda – Young Fiber Contest, catalogo mostra 2016 – Comune di Chieri Dissipatio HG, catalogo mostra 2011 – Associazione Stralis Gemine Muse 05, catalogo mostra 2005 – GAI FORMAZIONE Arazzo, Telaio Verticale, corso biennale, Scuola delle Arti Ornamentali San Giacomo – Roma (2015 – 2017) Insegnante: Federica Luzzi Tessitura, Telaio Orizzontale, corso biennale, Scuola delle Arti Ornamentali San Giacomo – Roma (2015 – 2017) Insegnante: Lucia Pagliuca Corso di tintura all’indaco naturale e tecnica a riserva shibori, Rosella Cilano, Associazione Tintura Naturale, Milano (2016) Feltro e seta, seminario, Sergio Milioni e Daniela Costanzo Giorgio, Accademia Koefia – Roma (2016) Intangible Cultural Heritage, Workshop formativo sull’applicazione della Convenzione Unesco Patrimonio Culturale Immateriale – UNESCO – Regione Lombardia – Tirano (SO), Poschiavo (Svizzera)(2015) Web Design, Multimediamente – Milano (2009) Product Design, indirizzo Arte e Design, Diploma di Laurea, Nuova Accademia di Belle Arti – Milano (2007) Disegno e Figura dal vero , Scuola delle Arti Applicate del Castello Sforzesco – Milano (2002) Maturità Classica, Liceo Classico Bartolomeo Zucchi – Monza (MB) (2001)

Read More

Benedetta Manfriani

Artista visiva e cantante

Artista visiva e cantante, ha esplorato negli anni tecniche e linguaggi diversi – video, installazioni, fotografia, musica, ceramica, grafica – dando vita a opere multiformi. Collabora con Tempo Reale, sia nella didattica sia nella produzione di opere multimediali, e con la compagnia teatrale Catalyst. È attualmente artista in residenza al MAD Murate Art District. Nell’ambito del Progetto RIVA ha diretto la performance sonora Rivers  nel 2018, partecipando nel 2017 ad una installazione... sonora di Tempo Reale Festival. Nel 2016 ha ideato CONfusion, un gruppo vocale multietnico formato da persone provenienti da molti paesi del mondo, che lavora per l’inclusione dei migranti attraverso la musica e la performance, attivo anche presso il Teatro Puccini di Firenze. Nel 2021 ha realizzato per MAD l’installazione sonora QuaranTeens, allestita in Piazza del Carmine.

Read More

Paolo Masi

Progetto RIVA

Nato a Firenze nel 1933, è attivo dagli anni cinquanta. La sua formazione  passa prima da Milano, poi in Europa, dove l’artista si confronta e viene a contatto con il lavoro dei grandi astrattisti europei dai quali apprende lezioni di forte rigore formale. La produzione intrapresa negli anni ’60 passa dalla realizzazione di opere astratto-geometriche per approdare ad una sensibilità assoluta per il colore e negli anni ’70 alla ricerca e l’utilizzo di nuovi materiali. I suoi lavori di... questo periodo sono caratterizzati dall’utilizzo del cartone ondulato. Sono degli anni ’80 i lavori dove l’artista si dedica a un’appassionata ricerca sul colore in rapporto allo spazio, realizzando opere dalle quali si desume la sua forte personalità cromatica. Negli anni 2000 Masi si cimenta nell’utilizzo di nuovi materiali come il plexiglas con il quale realizza opere di forme rettangolari o tonde dai colori smaglianti. Dalle iniziali esperienze di pittura informale e dall’astrattismo concreto Masi vanta un lavoro articolato, complesso e diversificato sul piano tecnico-linguistico. Le sue opere divengono marcatori concettuali del paesaggio e, come nel caso delle Polaroid, agiscono come studio analitico sui codici urbani. La sua intensa attività è confermata e riconosciuta sia in Italia che all’estero, con opere presenti nelle collezioni del Mart di Rovereto, della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti di Firenze e dalla Galleria d’Arte Moderna di Torino, del Museo Pecci di Prato e del Museo Novecento di Firenze. I suoi lavori sono caratterizzati da un’incessante evoluzione sperimentale capace di coinvolgere anche gli spazi urbani.

Read More

Black History Month Florence

Curatorial Team

Black History Month Florence nasce nel 2016 come rete inter-istituzionale per promuovere la produzione culturale “Black” che celebra le culture afro-discendenti nel contesto italiano. L’iniziativa programma, coordina e co-promuove annualmente più di cinquanta eventi nel mese di febbraio attraverso una rete formata e supportata dal Comune, fondazioni, istituzioni e associazioni culturali, musei e locali dedicati all’arte e alla musica e scuole. BHMF come squadra curatoriale e sotto la... guida di Justin Randolph Thompson e Janine Gaelle Dieudji.

Read More

Jessica Sartiani

Formatrice ed esperta di caffè

Jessica Sartiani è una formatrice ed esperta di caffè fiorentina. Con un padre italiano e una madre metà filippina e metà afroamericana, è dalle sue origini che inizia il suo viaggio come donna del caffè. Come persona formata, operativa e attenta alle recenti sottoculture del caffè, ha iniziato il suo lavoro in una delle caffetterie pioniere di questo prodotto selezionato, Ditta Artigianale, dieci anni fa, studiando e scoprendo tutto il lavoro che precede il servizio in caffetteria,... dando importanza ai paesi produttori. La sua esperienza si è evoluta con l’apertura del primo Speciality coffee in Italia, occupandosi della formazione dei baristi e dei clienti. Ha partecipato a vari concorsi come il Brewers cup, per migliorare il contatto con il pubblico e arricchire il suo background, e ha fatto parte di progetti di formazione in Honduras, Lituania e diverse start-up di caffè locali.

Read More

Jacopo Baboni Schilingi

Artista

Jacopo Baboni Schilingi proviene dalla musica cosiddetta “colta”, che unisce la scrittura e l’interattività. La stampa internazionale lo descrive come uno dei compositori più rappresentativi della sua generazione. È riconosciuto dai suoi concerti ed esposizioni nella cerchia dei conservatori e delle sale da concerto classiche: compositore in residenza all’IRCAM (7 anni), artista associato alla Saline Royale d’Arc-et-Senans (3 anni), curatore del colloquio... annuale PRISMA nel mondo (dal 2000 ad oggi), artista associato del Festival EMW al Conservatorio Nazionale di Shanghai (4 anni), Visiting Professor alla Harvard University negli USA, Visiting Professor al Conservatorio di Wuhan (3 anni).

Le sue produzioni plastiche e musicali sono invitate ed esposte nelle nuove sale dedicate all’arte multidisciplinare che combinano immagini, video, architettura e interazione con il pubblico: Sanlitung Village a Pechino, UniCredit Pavilion a Milano, Grand Palais a Parigi, Nexus Hall a Tokyo, Streaming Museum a New York, ecc.  Il suo lavoro con Arman negli anni 2000 ha dato inizio ad una serie di creazioni con Miguel Chevalier, Jean-Pierre Balpe, Alain Fleischer, Elias Crespin, Sarkis, ecc. Nel 2015 ha partecipato due volte alla Biennale di Venezia: ha creato la musica per il Padiglione della Turchia Respiro della voce e il concerto per la giornata di chiusura nella Sala delle Armi. Jacopo Baboni Schilingi ha scritto musica per grandi sponsor come Hermès e Samsung. Dal 2015 al 2018, la casa Camille Fournet – Parigi è stata mecenate di Jacopo Baboni Schilingi per la sua installazione ARGO, esposta al Grand Palais di Parigi, nell’ambito della mostra “Artists & Robots”. Dal 2018 al 2020, è stato sponsorizzato dalla casa di Chanel per una serie di residenze, un concerto monografico e una mostra monografica a Tokyo.

Read More

Camilla Guarino

Danzatrice e performer

Camilla Guarino si avvicina alla danza classica e contemporanea fin da piccola, per poi integrare i suoi studi con laboratori teatrali e coreografici tenuti da Claudia Castellucci, Jacopo Jenna, Teatro Valdoca, Muta Imago e Armando Punzo. Si avvicina al coreografo Virgilio Sieni nel 2015, dopo un laboratorio di critica giornalistica tenuto da Massimo Marino e Altre Velocità. Laureata con una tesi magistrale sui Dieci anni di Accademia sull’arte del gesto di Virgilio Sieni, è coinvolta come... interprete e stagista nel lavoro dell’artista. Nel 2015 collabora con la Biennale Danza di Venezia e nel 2018 vi partecipa con il progetto Biennale College ASAC seguito da Elisa Vaccarino. Fa parte dell’associazione BlaubArt – dance webzine, che si occupa di danza nel territorio bolognese e tiene corsi di teatro presso le scuole dell’infanzie e primarie. Attualmente frequenta il Master in drammaturgia presso l’Accademia d’arte Drammatica Silvio d’Amico e insieme al danzatore non vedente Giuseppe Comuniello sta lavorando allo spettacolo Let Me Be.

Read More

Giuseppe Comuniello

Danzatore e performer

Giuseppe Comuniello comincia il suo percorso nella danza nel 2009 con il coreografo Virgilio Sieni, con il quale collabora ancora oggi. Ha lavorato inoltre per coreografi nazionali e internazionali come Alessandro Schiattarella, Emanuel Gat, Emanuel Rosenberg e Michela Lucenti/Ballettto Civile con Bed Lambs, spettacolo vincitore del premio Danza&Danza come migliore produzione italiana. Contemporaneamente comincia un percorso sulla trasmissione del movimento attraverso la contact... improvisation, tenendo laboratori sul movimento aperti a tutti in collaborazione con l’associazione MUVet di Bologna, la compagnia Teatro Danzabile di Lugano, la Galleria degli Uffizi e con il Sert di Firenze per il recupero delle  tossicodipendenze. Dal 2016 collabora con il Festival Oriente Occidente per il network internazionale sulla danza accessibile. I suoi ultimi lavori sono Danza cieca, creato e interpretato insieme a Virgilio Sieni per Matera Capitale Europea della Cultura 2019 e Lonely Planet, il primo studio di un lavoro di ricerca con Camilla Guarino sulla percezione debuttato con il sostegno del Teatro Comunale di Ferrara all’interno della rassegna “La società a teatro”. Questo ultimo progetto si è sviluppato in Let me be prodotto da Versiliadanza.

Read More

Marta Bellu

Danzatrice e psicologa

Marta Bellu è danzatrice, psicologa e istruttrice di programmi Mindfulness based, ricercatrice del corpo e della mente. Inizia i suoi studi al Balletto di Toscana e approfondisce lo studio della danza contemporanea con diversi maestri e percorsi trasversali: si è dedicata allo studio di teatro, voce e performance in un percorso di Formazione Professionale in Coreografia Interdiscliplinare e frequentando la scuola di Teatro Sociale e Performing Arts. Dal 2014 si occupa di progetti di ricerca... artistica tra cui Iniziali e How to do Things with Words con cui vince il sostegno da ADAC Association of Dance and Contemporary Arts in Tuscany, un lavoro sul linguaggio che parte dal dialogo con la composizione musicale in continua trasformazione che prosegue in una ricerca che indaga la relazione tra pratiche contemplative, suono e linguaggio all’interno del progetto Where else?

Read More

FOSCA

Una rete in continua definizione

Fosca (2006) è una rete in continua definizione che mira a creare spazi di indagine e riflessione nella cultura contemporanea, attraverso creazioni nell’ambito delle arti performative e visive. All’interno delle varie iniziative ogni volta collaborano artisti e neofiti diversi, legati ai tratti specifici dell’opera. Fosca non vuole essere una formazione di persone, piuttosto un insieme di collaborazioni e vissuti, in continua mutazione fra soggetti, linguaggi, territori e ambiti... disciplinari. È uno spazio mentale che trova la sua manifestazione in azioni concrete nella ricerca artistica e nello studio dei linguaggi della contemporaneità, occupandosi trasversalmente di cultura, educazione, socialità e scienze umane

Read More

Fabrizio Ajello

Fabrizio Ajello (Palermo, 1973) artista, ricercatore ed insegnante di base a Firenze, riflette e interviene sui modelli culturali attraverso un’indagine e un confronto continuo con le tematiche del sacro, della memoria collettiva/individuale e del rapporto tra spazio pubblico e spazio privato. Nel biennio 2005/2006 ha lavorato al progetto di arte pubblica, Progetto Isole. Nel 2008 fonda, insieme all’artista Christian Costa, il progetto di arte pubblica Spazi Docili, basato a... Firenze, che in questi anni ha prodotto indagini sul territorio, interventi, workshop e talk presso istituzioni pubbliche e private, mostre e residenze artistiche. Ha fondato nel 2016 insieme alla ricercatrice Licia Bianchi il progetto artistico Aizimen. Ha inoltre esposto in gallerie e musei italiani e internazionali e ha preso parte a diversi eventi tra i quali: Berlin Biennale 7, Break 2.4 Festival a Ljubljana, in Slovenia, Synthetic Zero al BronxArtSpace di New York, Moving Sculpture In The Public Realm a Cardiff, Hosted in Athens ad Atene, The Entropy of Art a Wroclaw, in Polonia. Attualmente collabora con i magazine MEMECULT e MADE IN MIND, ha contribuito inoltre con interviste e saggi alla rivista Roots and Routes e alla piattaforma NESXT. Da anni interviene in istituzioni pubbliche con metodologie laboratoriali interdisciplinari e di collaborative learning. Insegna attualmente materie letterarie presso il Liceo Artistico di Porta Romana a Firenze.

Read More

Lucrezia Gabrieli

Danzatrice

Lucrezia Gabrieli è una danzatrice nata a Verona nel 1995. Frequenta gli studi professionali presso l’Opus Ballet (FI), I.D.A. (RA) e studia all’estero seguendo corsi aperti. Nel 2016 danza in “LaborAzione – Corpo di donna” di Leonardo Diana; nel 2017 è selezionata per Biennale College e studia con Loris Petrillo. Nel 2018 partecipa al “Festival Cinema e Donne” (Firenze), “Arte in Vetrina (Tolmezzo, Udine, Grado) e {Te}che (Finale Ligure); presenta “Millimetro cubo” in... PiattaformaA35 Fabbrica Europa e Scenari Contemporeanei ed è una delle giovani coreografe del CIMD Incubatore (Milano). Nel  2019 partecipa a “TURNING_Orlando’s version” di Alessandro Sciarroni e viene selezionata per la coreografia progetto “Anghiari Dance Hub 2019”; continua a studiare con laboratori di coreografi internazionali ed è interessati a spettacoli per luoghi non convenzionali.

Read More

Cristina Abati

Musicista, performer, regista

Cristina Abati  è una musicista, performer, regista. Dal 1998 è codirettrice artistica della Compagnia Gogmagog. Dal 2004 è attiva nel campo dell’improvvisazione radicale. Dal 2009 collabora come performer e musicista con il gruppo Fosca, e dal 2017 è membro del direttivo dell’associazione. Dal 2012 fa parte del progetto Blutwurst, un collettivo di musicisti attivi nell’ambito dell’improvvisazione radicale e della musica classica contemporanea. Si dedica a progetti di ricerca... vocale, legati al corpo e alla scrittura poetica.

Read More

Angela Burico

Ricercatrice e performer

Angela Burico è ricercatrice, performer e terapeuta di massaggio Taoista; oggetto della sua ricerca è il corpo nelle sue manifestazioni energetiche, indagate attraverso lo studio della voce, la pratica performativa e lo studio e la pratica della medicina taoista. Attraverso varie collaborazioni sta sviluppando un percorso interdisciplinare che affianca alla ricerca performativa e vocale, un insieme di pratiche volte a vivificare le conoscenze tradizionali e sperimentare tecniche... artigianali ed artistiche. E’ cofondatrice del Festival della Fiaba di Modena, con cui ha collaborato fino al 2014.

Dal 2017 fa parte del laboratorio di danza contemporanea LaDiscoteca condotto da Cristina Rizzo. Dal 2018 fa parte dell’organizzazione e cura di Corniolo Art Platform. Negli anni ha lavorato n teatro in produzioni di Emilia Romagna Teatro, Teatro de los Sentidos , Teatro Stabile dell’Umbria, Antonio Latella, Pippo del Bono, Marco Manchisi, Dante Manchisi, Cristina Rizzo, Societas-Chiara Guidi. Questi i principali lavori come autrice, coautrice e interprete:

2019/2020 “Mermaids on a Dolphim’s Back”, con Cristina Abati- Fosca. 2018/19 Edipo “re. Esercizio di memoria per 4 voci femminili” di Chiara Guidi-Societas. 2017/18 “Lettera#1”,Concerto e Conversazioni con un lupo con Nicola Pedroni. “Le nuvole in terra”, spettacolo per l’infanzia con Nicola Pedroni. “Meditazioni sulla testa di Lepre” serie di ricami con meditazioni sull’epoca contemporanea. “Dudes” progetto di microsculture post catastrofe. 2016 “Jack and the Beck”, con Paolo Mereu- Versiliadanza. 2014 “All hail, Macbeth!”, con Giulio Stermieri-Filatoio292. 2013 “Hansel e Gretel a due voci”, con Nicoletta Giberti. “Viandanti” progetto sulle ospitali dei pellegrini, Onphalon-La Corte Ospitale Rubiera.

Read More

Teatro dell'Elce

Compagnia teatrale

Il Teatro dell’Elce nasce a Firenze nel 2006 su iniziativa del regista Marco Di Costanzo, dell’attore Stefano Parigi e del sound designer Andrea Pistolesi. Nel tempo il gruppo originario si arricchisce di nuove collaborazioni e diviene un nucleo di produzione di spettacoli e altri progetti teatrali. L’attività del Teatro dell’Elce coniuga la ricerca sul lavoro dell’attore con la volontà di rivolgersi a un pubblico il più possibile vasto e differenziato, al fine di produrre un... teatro popolare di qualità. Le produzioni del Teatro dell’Elce sono state distribuite sul territorio nazionale e la compagnia è stata rappresentante dell’Italia al Festival International du Théâtre d’Alger 2010 (Algeria) e al Festival Internacional de Teatro por la Paz 2011 e 2012 a Barrancabermeja (Colombia).

Read More

Francesco Pellegrino

Musicista e artista visivo

Francesco Pellegrino è un artista multimediale e musicista; i suoi lavori includono musica elettroacustica, performance e installazioni. Come musicista si esibisce in concerti elettroacustici per strumenti vari (tra cui sax, tromba, clarinetto e vari oggetti) e live electronics; suona nel trio elettroacustico3D3, con Maurizio Montini e Andrea Venturoli. Come artista crea installazioni della forte componente sonora, ambienti immersivi, inviti alla contemplazione. Le sue installazioni sono... state esposte a Firenze, Livorno, Stoccolma, Città del Messico, Chongquing ed altre.

Read More