OGGI APERTO
14:30 - 19:30
  • LUN: Chiuso
  • MAR: 14:30 - 19:30
  • MER: 14:30 - 19:30
  • GIO: 14:30 - 19:30
  • VEN: 14:30 - 19:30
  • SAB: 14:30 - 19:30
  • DOM: Chiuso
Per le festività natalizie gli orari potrebbero variare.

Reading a cura di Chiara Camoni e Cecilia Canziani

Pagine di Ivan Illich, Gender, per una critica storica dell’uguaglianza; Silvia Federici, Reincantare il mondo; Richard Sennet, L’uomo artigiano; Barbara Duden, I geni in testa e il feto in grembo; Christa Wolf, Medea.

ore 17,30 Talk Chiara Camoni e Cecilia Canziani aprono un dialogo su identità e genere, produzione artistica e pratiche curatoriali, con particolare attenzione al lavoro collettivo e di condivisione.

Chiara Camoni (1974, Piacenza, Italia; vive e lavora a Giustagnana, sulle Alpi Apuane) lavora con un ampio ventaglio di materiali e seguendo molteplici processi artistici. Esplora la metamorfosi di forme e percezioni nel corso del tempo, mettendo in luce la poeticità di questo costante flusso di apparizione e scomparsa. Diplomata nel 1999 in Scultura presso l’Accademia di belle arti di Brera, dal 2000 è direttore artistico dell’Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel 2007 fonda insieme ad altri artisti il MAGra, Museo d’Arte Contemporanea di Granara (PR) e ne segue la programmazione. Fa parte del gruppo Vladivostok.

Cecilia Canziani critico d’arte e curatrice,  Il suo lavoro si concentra sulla pratica artistica contemporanea come interrogazione dello spazio culturale e del suo contesto e sulla didattica della cultura visiva contemporanea. E’ membro fondatore dello spazio non profit 1: 1projects, insegna presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo e l’Università di Roma La Sapienza. Da gennaio 2009, insieme a Ilaria Gianni, sono direttrici artistiche della Nomas Foundation, Roma. FOTO: Chiara Camoni, La Venere senza Serpenti, 2015, collezione Paolo Agliardi Il progetto IDENTITIES è realizzato con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze –progetto Mur°arte- in collaborazione con La Nottola di Minerva, e con il contributo di Regione Toscana, progetto ToscanaInContemporanea 2018.