OGGI CHIUSO
Guarda gli orari
  • LUN: Chiuso
  • MAR: 14:30 - 19:30
  • MER: 14:30 - 19:30
  • GIO: 14:30 - 19:30
  • VEN: 14:30 - 19:30
  • SAB: 14:30 - 19:30
  • DOM: Chiuso
Chiusi per le festività

Residenze d’artista a scuola

L’arte “prende casa” nelle scuole: le aule (non utilizzate) diventano atelier e gli artisti offrono laboratori gratuiti ai ragazzi.
L’iniziativa vede le strutture scolastiche mettere a disposizione un’aula non utilizzata per accogliere un artista contemporaneo che lavora quotidianamente a scuola.
L’artista ospitato offre un laboratorio gratuito per gli studenti dell’Istituto, coinvolgendo di settimana in settimana classi diverse.

Il progetto intende creare una situazione virtuosa di scambio tra scuole e artisti.
Le strutture scolastiche che mettono a disposizione aule non utilizzate come studi d’artista, accolgono l’artista selezionato ad abitare quotidianamente la scuola e offre un laboratorio settimanale gratuito per gli studenti.

La condivisione di spazi e ambienti crea una relazione tra artista e “abitanti della scuola” siano essi alunni, personale docente, di segreteria o collaboratori scolastici, dando vita ad una piccola comunità sperimentale aperta ad esperienze altamente innovative. Tali esperienze laboratoriali saranno guidate, seguite e monitorate da Mus.e, che supporterà e incoraggerà progetti inediti e sperimentali.

Attualmente MAD propone nove diverse residenze

  • Katiuscia Favilli & Paolo Mereu presso l’Istituto Comprensivo Masaccio
  • Simoncini.Tangi presso l’Istituto Comprensivo Ottone Rosai
  • Benedetta Manfriani presso l’Istituto Comprensivo Beato Angelico
  • Alisa Martynova presso L’Istituto Comprensivo Ghiberti
  • Olga Pavlenko presso l’Istituto Comprensivo Montagnola-Gramsci
  • Floor Robert presso l’Istituto Comprensivo Oltrarno
  • Victoria DeBlassie presso l’Istituto Comprensivo Giacomo Puccini
  • Kirsten Stromberg presso l’Istituto Comprensivo Galluzzo

 

Il progetto è realizzato con il sostegno dell’Assessorato all’Istruzione del Comune di Firenze e con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio Firenze